La capolista Reggiana crolla al "Barbetti" e "rischia"

La capolista Reggiana crolla al "Barbetti" e "rischia" - www.forzagubbio.it

Domani al "Del Duca" il big match Ascoli-Pontedera

Domani al "Del Duca" il big match Ascoli-Pontedera - www.forzagubbio.it

Acori: "Perfetti", Guerri e Marchionni: "Così va bene"

Acori: "Perfetti", Guerri e Marchionni: "Così va bene" - www.forzagubbio.it

“Sapevano che dovevamo giocare coperti e ripartire. Ottima partita, tatticamente perfetta. 

La squadra comincia a migliorare, è più corta, tiene meglio le distanze, e troviamo la via del gol visto che negli ultimi due incontri ne abbiamo segnati cinque, di cui due all’Ascoli che era secondo in classifica e tre alla Reggiana capolista”.

Leo Acori va via a tutto gas. La soddisfazione per la vittoria sulla Reggiana capolista è legittima. Poi però tira subito il freno: “Comunque non abbiamo fatto niente. Siamo felici per la vittoria ma il nostro obiettivo non cabia: vogliamo conquistare la salvezza senza affanni”.

Mister però adesso sembra un altro Gubbio.

“Merito del lavoro che facciamo tutti i giorni con grandissima professionalità, merito del mio staff, merito dei giocatori”.

Marchionni e Guerri all’unisono: “Sappiamo quali sono i nostri limiti, ma anche quali sono le nostre qualità. Possiamo giocarcela con tutti e vincere contro tutti. Soprattutto perché stiamo acquisendo una maturità che ci può portare fino alla salvezza senza soffrire troppo”.

Guerri aggiunge una chicca: “Indosso la maglia di Sandreani e questo mi dà ancora più grinta. Il Gubbio è la squadra che ho nel cuore e mi sono cucito i colori rossoblù sul petto. Se staremo umili e con i piedi ben piantati a terra possiamo fare bene, ma non dobbiamo esaltarci oltre il dovuto anche se non nego che la soddisfazione per il 2-2 ad Ascoli e il 3-1 contro la capolista ci danno davvero tantissima carica. Ma al tempo stesso dico: stiamo calmi perché a Forlì sarà durissima”.

Il tecnico della Reggiana Colombo ammette: “Il Gubbio non ha rubato nulla, anche se Iannarilli ha fatto i miracoli. Noi siamo stati un po’ come le luci di Natale: a momenti ci accendevamo, a momenti la luce era spenta.”

Chiude Tremolada: “Non eravamo fenomeni prima, non siamo somari adesso. Ma onore ai vincitori: finora hanno raccolto meno di quanto meriterebbero”.

Ad Halloween Gubbio fa lo scherzetto alla Reggiana

Ad Halloween Gubbio fa lo scherzetto alla Reggiana - www.forzagubbio.it

GUBBIO-REGGIANA    3-1

 

MARCATORI Mancosu (G) al 30’, Tremolada (R) 37’, Regolanti (G) al 42’ p.t.; Loviso (G) su rigore al 29’ s.t.

 

GUBBIO (4-3-3) Iannarilli 8; D’Anna 6, Galuppo 6, Lasicki 6, Caldore 6; Guerri 6, Loviso 6, Casiraghi 6,5 (dal 33’ s.t. Castelletto);  Mancosu 6,5, Regolanti 7 (dal 27’ s.t. Cais), Marchionni 7,5 (dal 39’ s.t. Vettraino). (Citti, Rosato, Domini, Esposito). Acori 7. 

 

REGGIANA (4-3-1-2) Messina 5; Andreoni 6, Spanò 6,5, Sabotic 5,5, Mignanelli 6; Bruccini 7, Parola 6, Angiulli 6 (dal 21’ s.t. Siega); Tremolada 7 (dal 33’ s.t. Alessi); Rupolo s.v. (dal 17’ p.t. Brunori 6), Sinigaglia 6,5. (Voltolini, De Giosa, Palumbo, Maltese). All. Colombo 6.

 

ARBITRO Cifelli di Campobasso 6,5.

 

NOTE paganti 349, abbonati 721, incasso di 6.983 euro. Ammoniti D’Anna, Parola, Lasicki, Casiraghi, Sabotic, Mignanelli. ANGOLI 2-5.

 

MIGLIORE Iannarilli 

 

Nella notte di Halloween la Reggiana a Gubbio vede le streghe. Va sotto alla mezzora sul gol di Mancosu (nella foto da corrieredell'umbria.it), ispirato da Marchionni. Riesce a pareggiare quasi subito (37’ p.t.) con un missile di Tremolada dal limite, ma al 42’ becca in contropiede il gol del 2-1 con Regolanti che, lanciato da Casiraghi da 50 metri, controlla, si accentra e fredda Messina nell’angolino. Nella ripresa il fallo di Andreoni su Marchionni al 29’ vale il rigore che Loviso (al terzo centro stagionale come Regolanti) non sbaglia. Tre gol subiti in dieci partite, altrettanti a Gubbio: Colombo strabuzza gli occhi.

Acori sorprende tutti con un 4-3-3 “sporco” visto che Marchionni e Loviso spesso arretrano. Poi manda in panchina Rosato e chiama all’esordio, come centrale di difesa, Galuppo dopo un anno e quindici giorni di stop per via di un grave infortunio in San Marino-Savona quando giocava coi liguri.

La Reggiana capolista fa segnare supremazia tecnica e chiama Iannarilli ad almeno quattro parate salva risultato su Tremolada (15’ e 46’ p.t.), Bruccini (34’ p.t.) e Angiulli (14’ s.t.). Ma il Gubbio tiene botta, si copre e in contropiede tiene in ansia gli emiliani. Alla fine il pubblico fa la ola sugli spalti del “Barbetti” e il presidente Notari e il diesse Pannacci elogiano i rossoblù: “I nostri giocatori sono giovanissimi ma hanno già… la barba”. E lo scherzetto di Acori agli emiliani è… un dolcetto per i tifosi eugubini.

 

Tutte le immagini su http://sportube.tv