Mercatino dell'Usato, fare soldi svuotando la soffitta

Mercatino dell'Usato, fare soldi svuotando la soffitta - www.forzagubbio.it

“Se hai una soffitta o una cantina da svuotare, prima di buttare qualcosa chiamaci”. E' questo lo slogan del "Mercatino dell'Usato" (tel. 328.20.24.669, 075.927.28.23), che ha aperto i battenti a Gubbio da appena due settimane. E siccome in tempo di crisi “non si butta via niente” ecco spiegato il grande successo che sta riscuotendo. Si trova in via della Piaggiola, in una zona facilmente raggiungibile e con un ampio parcheggio dove si può arrivare con l’auto e dove non ci sono difficoltà per caricare o scaricare tutto quello che si è trovato dentro casa, ormai quasi dimenticato, e che invece improvvisamente diventa un bene con il quale incassare dei soldi.

Lo gestiscono Vittorio e Gabriela. Lui ex arbitro di calcio (ha diretto partite di calcio fino all’Eccellenza umbra), lei rumena. Marito e moglie hanno aperto il Mercatino e in pochi giorni hanno dato il via a un business interessante e importante. “Anche perché - dicono - abbiamo salvato alcuni pezzi bellissimi che sarebbero stati mandati in discarica, come per esempio una specchiera che il proprietario voleva gettare nei cassonetti, e che oggi vale circa 1200 euro”. Il sistema che regola la compravendita è semplice: si porta l’oggetto usato da vendere, viene valutato e viene messo in conto vendita per 60 giorni. Dopo quel periodo se non è stato acquistato viene abbassato di prezzo in misura del 20 per cento. Quando viene venduto il proprietario incassa il dovuto, meno la percentuale stabilita che resta al mercatino.

Pellicce, elettrodomestici, vecchi impianti hi fi, televisori, abiti, mobili, divani, un bellissimo flipper sono solo alcuni tra gli oggetti che si possono acquistare. “Abbiamo venduto addirittura scarpe usate, messe magari una sola volta” dicono Vittorio e  Gabriela. E anche questo è un segno forte delle crisi che non accenna a mollare e che deve fa riflettere.

Notari: "Bisogna intervenire subito", e Acori... frigge

Notari: "Bisogna intervenire subito", e Acori... frigge - www.forzagubbio.it

 Notari non ci sta. Acori a fine partita ha detto che "a Teramo la squadra per un'ora ha giocato", il neo presidente mastica amaro: "Un'altra sconfitta, la terza in cinque partite perciò bisogna intervenire subito". Tra il primo e secondo tempo il re delle acque minerali era stato più contenuto: "Comprare tanto per comprare non serve. Se dobbiamo ingaggiare dei rinforzi devono essere mirati". A fine partita ha sparato secco: "Non c'è più tempo da perdere. Dobbiamo intervenire subito altrimenti la piaga rischia di incancrenirsi". E il tecnico Acori per la prima volta ha ammesso: "Siamo partiti per portare avanti un discorso coi giovani, ma forse un pizzico di esperienza serve". Forse già stasera Notari, Fioriti e il direttore sportivo Pannacci di riuniranno per decidere il da farsi, perché come dice Notari  "non c'è più tempo da perdere". Altrimenti si rischia di compromettere la stagione. Acori è una delle colonne del progetto Gubbio, ma dopo cinque partite con tre sconfitte e due soli gol segnati entrambi su calcio piazzato (nessuno su azione) anche una colonna può iniziare a scricchiolare in uno sport come il calcio che non guarda in faccia a nessuno e dove se perdi due partite sei già ( purtroppo) in discussione. Acori a fine gara ha detto ai microfoni: "Abbiamo regalato due reti anche oggi, soprattutto la seconda non sipuò accettare in queste categorie. Nel complesso abbiamo fatto una buona gara ma ci manca un pò d'esperienza. Vedremo in settimana con la società se portare dei correttivi alla rosa". Sabatosi al "Barbetti" (ore 15) arriva il Savona. Un'altra sconfitta sarebbe letale. Per tutti.

Oggi 5 partite, domani il "derby" a San Marino

GLI INCONTRI GIOCATI SABATO

Ancona - Pro Piacenza 4-0


37' Morbidelli (A), 15' s.t. Paponi (A) rig., 23' s.t. Cognigni (A), 39' s.t. Tulli (A)


Lucchese - Pontedera 1-0

44' p.t. Calcagni (L)


Pisa - Reggiana 0-0


Teramo - Gubbio 2-1


33' p.t. Domini (G), 39' p.t. Lapadula (T), 20' s.t. Lapadula (T)

 

GLI INCONTRI DI OGGI

Forlì-Carrarese allo Stadio Comunale 'Morgagni' ore 11.

Tuttocuoio-L'Aquila allo Stadio Mannucci ore 14,30

Prato-Savona allo Stadio Lungobisenzio ore 14,30

Spal-Ascoli allo Stadio Mazza di Ferrara ore 16

Grosseto-Pistoiese allo Stadio Zecchini ore 18.

 

 

IL POSTICIPO DI DOMANI

San Marino-Santarcangelo allo Stadio Olimpico ore 20,45.

A Teramo il Gubbio crolla per la terza volta in 5 gare

TERAMO-GUBBIO 2-1

TERAMO: Serraiocco 6; Scipioni 6 (32'st Masullo sv), Speranza 6.5, Diakité 7, Perrotta 6.5; Fiore 6.5, Lulli 6 (11'st Petrella 6), Cenciarelli 7 (39'st Caidi sv), Di Paolantonio 6.5; Donnarumma 6.5, Lapadula 7.5. A disp: Tonti, Amadio, Pigini, Bucchi. All: Vivarini 7.

GUBBIO: Iannarilli 6.5; Luciani 5.5, Rosato 5.5, Lasicki 5.5, D'Anna 6; Esposito 6 (25'st Loviso 5.5), Domini 7, Casiraghi 5.5 (32'st Regolanti 5.5); Mancosu 6, Luparini 5, Vettraino 5.5 (25'Marchionni 5). A disp: Citti, Manganelli, Caldore, Castelletto. All: Acori 5.5

ARBITRO: Luciano di Lamezia Terme 6.

RETI: 33'pt Domini, 39'pt e 20' st Lapadula.

NOTE: spettatori 1500 circa. Ammoniti Scipioni, Perrotta nel Teramo; Domini, Rosato, Mancosu nel Gubbio. Angoli 3-2.

 

Terza vittoria consecutiva del Teramo che sull’erba amica si impone 2 a 1 al Gubbio grazie ad una doppietta di Lapadula, sempre più uomo-gol dell’undici di Vivarini. Terza sconfitta incinque partite per il Gubbio di Acori. Dopo una prima mezz’ora stanca e di studio, le due squadre hanno cominciato a giocare meglio, con il Gubbio che è riuscito a portarsi in vantaggio su calcio piazzato magistralmente battuto da Domini al 34esimo. Immediata la reazione del Teramo che ha cominciato a macinare gioco, arrivando al pareggio cinque minuti dopo con Lapadulae continuando a spingere sul finire della prima metà della partita. Nel secondo tempo, il Gubbio appariva contratto e frenato, mentre il Teramo, anche grazie all’ingresso di uno spumeggiante Petrella, ha cercato di imporre la propria regola, riuscendo più volte ad andare vicino al gol fino alla punizione decisiva, splendidamente calciata al 64esimo dallo stesso Lapadula. Teramo dunque a quota 9, Gubbio resta penultimo in classifica e per i biancorossi si comincia a lavorare per la sfida di Sant’Arcangelo di Romagna

www.forzagubbio.it

Quinta giornata (parziale)