A Santarcangelo e Carrara cappuccio con... biscotto

A Santarcangelo e Carrara cappuccio con... biscotto - www.forzagubbio.it

Gubbio, la salvezza diretta ora diventa difficilissima

Gubbio, la salvezza diretta ora diventa difficilissima - www.forzagubbio.it

Game over: e Acori rischia lo scontro fisico coi tifosi

Game over: e Acori rischia lo scontro fisico coi tifosi - www.forzagubbio.it

Dura contestazione a fine partita. Notari: "Ora uno di polso"

Gadda, Cavasin, Ruotolo, Mutti e Di Petrillo tra i "papabili"

 

 

Game over: Gubbio sconfitto e da ieri sera ai playout, Acori esonerato. Finita l’ennesima farsa andata in scena al “Barbetti” (nella partita della vita il portiere del Pro Piacenza Alfonso ha fatto una parata, ndr), fuori dello stadio si è scatenato l’inferno coi tifosi inferociti che hanno presidiato tutte le possibili uscite fino alle 18,40. Ce ne sono state per tutti. Per primo è toccato ad Acori che è stato fermato mentre cercava di uscire in macchina. E’ sceso e si è messo al confronto con i tifosi che gli hanno urlato contro tutta la loro rabbia. Il tecnico ha cercato di difendersi e con riferimento alla società ha detto: “Questi qua non m’hanno comprato nessuno, che doveva fa? Poi mi dite di Tutino? Fosse stato per me non avrebbe mai giocato ma me lo imponeva la società”.

Ma come mister, gli hanno urlato contro i tifosi, proprio lei ha detto che era un gioiello, uno dei migliori talenti… Un attimo si silenzio imbarazzante, poi il tentativo andato a vuoto di un minimo di risposta senza senso. Per un attimo si è tenuto lo scontro fisico. Per fortuna i tifosi rossoblù hanno dimostrato la loro civiltà e si sono limitati a gridare la loro rabbia per un campionato che adesso s’è messo male davvero mentre l'allenatore rosso in volto, quasi cianotico, riusciva a ripartire guadagnando la strada di casa.

Bloccato dagli ultras anche il presidente Notari che saputo di quelle dichiarazioni ha ribattuto: “Certe frasi si commentano da sole, certa gente farebbe bene a non dire bugie e starsene zitta. Acori dice che non gli abbiamo acquistato nessuno? No, è stato lui che ci ha sempre detto, e lo ha ripetuto pubblicamente alla stampa e a voialtri tifosi, che non dovevamo andare a rovinare il giocattolo e che la squadra per salvarsi andava bene così. Se dice ancora qualcosa di falso allora parlo io, così stavolta le dico tutte le verità”.

Contestati anche i giocatori, alcuni dei quali hanno cercato di parlare al di qua dei cancelli con la tifoseria imbufalita. Verso il portiere Iannarilli ci sono però state parole d’elogio e di incoraggiamento che l’hanno fatto emozionare. Per gli altri, eccezion fatta per Guerri e Loviso, solo accuse pesanti: poco impegno, il fatto di andare a ballare fino all’alba e di condurre una vita sregolata. La contestazione è durata fino alle 18,40.

 “Voglio un allenatore di polso – aveva detto il presidente Notari – è stata anche proposta la candidatura dell’accoppiata Bonura-Vecchini, ci rifletterò. Certa è una cosa: il campionato non è ancora finito e dobbiamo combattere fino alla fine”.

E’ vero che la prima telefonata l’ha fatta a Torrente?

“Sì, ma lui semmai verrebbe da luglio, chiaramente non ora”.

Altri nomi?

“Ho sentito altri allenatori, vedremo. Decideremo presto, questo è certo. Ma, ripeto, preferirei un tecnico di polso, uno che si faccia sentire, che riesca a dare una svolta, che sappia ridare nerbo, carattere, grinta e orgoglio alla squadra. Ripeto: ancora non è finita”.

Pro Piacenza ok, Gubbio ai playout: Acori esonerato

Pro Piacenza ok, Gubbio ai playout: Acori esonerato - www.forzagubbio.it

GUBBIO-PRO PIACENZA        0-1

 

MARCATORI Bini al 5’ p.t.

 

GUBBIO (4-3-3) Iannarilli 6,5; Luciani 6, Lasicki 5, Galuppo 6, Caldore 5 (dal 1’ s.t. Mancosu 6); Guerri 6,5 (dal 36’ s.t. Domini s.v.), Loviso 6,5, Casiraghi 6; D’Anna 6,5, Regolanti 5,5, Tutino 5 (dal 24’ s.t. Vettraino 6). (Citti, Rosato, Manganelli, Esposito, Vettraino). All. Acori 4.

 

PRO PIACENZA (4-3-3) Alfonso 6; Castellana 6, Silva 6, Bini  7, Sanè 7; Schiavini 6, Bacher 6, Barba 6; Matteassi 6 (dal 45’ s.t. Marmiroli s.v.), Speziale, Alessandro. (Ialli, Ignico, Petrini, Corduri, Mella, Mascolo). All. Franzini. 7,5

 

ARBITRO Melidoni di Frattamaggiore 6,5.

 

NOTE Paganti 888, abbonati 721, incasso di 5.120 euro. Ammoniti Silva, Castellana, Casiraghi, Luciani, Galuppo, Bacher.  Angoli 12-1.

MIGLIORE Loviso

 

Game over. Acori esonerato e Gubbio da stasera ai playout. La gestione del tecnico di Bastia Umbra, che nel girone di andata aveva sfiorato i playoff raggiungendo il sesto posto tra la quindicesima e la diciannovesima giornata, è stata un fallimento totale nelle ultime 21 partite con 2 vittorie, 10 sconfitte e 9 pareggi, 15 punti totali e uno solo negli ultimi sei incontri. Ieri il colpo finale contro il Pro Piacenza, che ha vinto con un gol di testa di Bini dopo 5 minuti, ha scatenato la rabbia dei tifosi. Tecnico assediato all’uscita rischia lo scontro fisico, contestazione totale fino all’uscita di tutti i giocatori.

Euro Grilli

Quindici punti in 20 partite: media retrocessione

Quindici punti in 20 partite: media retrocessione - www.forzagubbio.it

Il Grafico mostra l'andamento del Gubbio in classifica che ha raggiunto l'apice con il 6° posto conquistato alla 16esima giornata con la vittoria a Santarcangelo (0-2) e mantenuto poi fino alla 19esima con il pareggio in casa con il Grosseto per 1-1. Poi man mano le posizioni sono scalate fino all'attuale quattordicesimo posto che significa in peina bagarre per non finire negli spareggi salvezza. Nelle ultime 20 partite il Gubbio ha conquistato 15 punti, frutto di 9 sconfitte, 9 pareggi e 2 vittorie, mentre per ciò che riguarda il girone di ritorno i unti cnquistati sono stati soltanto 13. I playout si giocheranno il 24 e il 31 maggio tra la sedicesima, diciassettesima, diciottesima e diciannovesima classificate. 

REGOLAMENTO

Le squadre classificate al 18°, 19° e 20° posto di ogni singolo girone retrocedono al Campionato Nazionale Dilettanti.

L’individuazione delle suddette squadre avviene con le seguenti modalità :

1) la squadra classificata al 20° posto in ogni singolo girone retrocede automaticamente al Campionato Nazionale Dilettanti;

2) la determinazione delle altre due squadre, per ogni singolo girone, che debbono retrocedere al Campionato Nazionale Dilettanti, avviene dopo la disputa di play-out tra le squadre classificatesi al 19°, 18°, 17° e 16° posto, secondo la seguente formula:

a) la squadra sedicesima classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra diciannovesima classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra diciannovesima classificata;

b) la squadra diciassettesima classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra diciottesima classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra diciottesima classificata;

c) a conclusione delle due gare di cui ai punti a) e b), in caso di parità  di punteggio, dopo le gare di ritorno, per determinare la squadra vincente si tiene conto della differenza reti; in caso di ulteriore parità  viene considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato;

le squadre che risultano perdenti nelle gare di cui ai punti a) e b), verranno classificate, rispettando l’ordine acquisito nella graduatoria al termine del Campionato al diciottesimo e diciannovesimo posto e, conseguentemente, retrocedono al Campionato Nazionale Dilettanti.

Gazzetta.it